Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Lavorare il terreno dell’orto

Che fatica lavorare il terreno dell’orto, o delle aiuole in giardino, ogni primavera quando riparte la stagione… A parte farselo fare da qualcun altro, o munirsi di una piccola motozappa, c’è anche un altro sistema per ridurre al minimo la fatica: lavorarlo in autunno! È il segreto dei nostri antenati: il grosso del lavoro, infatti, lo farà il Generale Inverno, con l’alternarsi delle temperature su e giù, con le giornate di sole, di pioggia e di neve, con la brina mattutina e la nebbia. Tutti eventi che operano una benefica trasformazione sulle particelle di terra, rendendo il suolo, in primavera, pronto ad accogliere le nuove pianticelle, senza che dobbiate fare altro che affinarlo e stenderlo in un letto piano di semina.

 

Pulizia preliminare

Scegliete una bella giornata decembrina soleggiata e magari anche tiepida, comunque lontana da precedenti giorni piovosi. Armati di carriola o sacco da immondizia, e rastrello e zappetta, asportate con cura ogni residuo delle colture precedenti: steli, foglie, frutti caduti e radici delle piante morte, ma anche tutori, legacci, teli da pacciamatura e di non tessuto e quant’altro non sia terra. I residui vegetali, se le piante erano prive di malattie e parassiti, si possono ammucchiare nella compostiera, altrimenti vanno nel cassonetto dei rifiuti organici. I materiali da lavoro vanno recuperati il più possibile, per non sprecare e per non doverne comprare di nuovi: si lavano, si lasciano asciugare e si ripongono in ordine in cantina o nel magazzino attrezzi.

Concimi e correttivi

Ora è il momento di spargere uniformemente sulle parcelle o le aiuole un buon fertilizzante. Per l’orto il migliore è il letame bovino (anche non maturo, se non prevedete di coltivare prima di 4 mesi; 4 kg/mq se fresco, 2 kg/mq se maturo) oppure il compost autoprodotto (3 kg/mq) o lo stallatico secco pellettato o in scaglie (300 g/mq) o anche l’humus di lombrico (2 kg/mq); in alternativa va bene anche un buon concime granulare a lenta cessione per orto. Nelle aiuole del giardino è ugualmente indicato il compost o lo stallatico secco, oppure un analogo concime granulare per giardino.

Apportate adesso anche le sostanze correttive: se il suolo è troppo pesante, argilloso o umido spargete sabbia di fiume in ragione di 2 kg/mq; se è troppo sabbioso, distribuite letame maturo (3 kg/mq) o compost (3 kg/mq) o humus (2 kg/mq): in questo caso il correttivo sostituisce la concimazione precedente.

 

Di vanga o di motozappa

Terminati tutti gli apporti, si va di vanga su tutta la superficie oppure, per terreni superiori ai 50 mq, valutate la possibilità della motozappa: esistono modelli a batteria facili da usare, silenziosi e non inquinanti, potenti e durevoli per anni.

Con la vanga o la motozappa smuovete la terra fino a 20 cm di profondità, allentando le zolle e consentendo al concime e ai correttivi di compenetrarsi alle particelle di terra.

Dopodiché lasciate fare al gelo, alla brina, alla pioggia e alla neve: saranno loro durante l’inverno a spezzettare bene le zolle rendendole friabili e ben nutrite.

In febbraio (nel Sud) o marzo (nel Nord) vi basterà rastrellare o fresare il terreno per eliminare le malerbe già spuntate e ottenere un letto di semina fine e accogliente.

 

 

Magazine
Ti potrebbe interessare anche

Bonus verde 2022

E’ dal 2017 che lo stato aiuta chi esegue lavori nei giardini sotto forma di una detrazione fiscale sulle tasse all’atto della dichiarazione dei redditi . Questa detrazione è del 36% dell’imponibile, ossia della fattura iva esclusa. Il limite massimo della detrazione per anno solare è di € 5.000.   Esempio: su una spesa di € […]

leggi tutto

Garden Festival d’Autunno 2022 dal 24 settembre al 23 ottobre

Il cambiamento climatico è sotto gli occhi di tutti. Ma tutti possiamo fare qualcosa, per quanto poco, per quanto piccolo. I Centri di Giardinaggio AICG di tutta Italia qualcosa la fanno: dal 24 settembre al 23 ottobre organizzano la settima edizione del Garden Festival d’Autunno dal tema “Rigenera un metro quadro alla volta”, con l’intento […]

leggi tutto

Il prato sintetico Brasil

Il prato sintetico Brasil ha i fili d’erba verde alti 30mm, supportati dei fili gialli arrotondati che simulano l’erba secca. Questi fili impediscono a quelli verdi di schiacciarsi a terra. Hanno 15.750 punti al metro quadrato. Visa Garden conosce perfettamente i requisiti di qualità richiesti da un professionista e necessari per installare un buon prato […]

leggi tutto

Vienici a trovare

Via Cavezzo Camposanto 4/A - 41030 Staggia San Prospero (MO)
APRI LA MAPPA