Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Processionaria, pericolo primaverile

processionaria su nido di pino austriaco

Se notate, durante una passeggiata in campagna o in città o, ancora peggio nel vostro giardino, un grande (anche 30 cm di diametro) “batuffolo di ovatta” attaccato a una Conifera (pino o cedro), scappate a gambe levate, soprattutto se con voi c’è il vostro cane. Poi, a distanza di sicurezza (almeno 20 m), chiamate immediatamente il Servizio fitosanitario della vostra Regione (trovate i riferimenti sul motore di ricerca di internet). Vi siete purtroppo imbattuti in un nido di processionaria, e i mesi fra marzo e maggio sono i più pericolosi perché i bruchi di questa farfalla, che stanno migrando, sono altamente urticanti: in caso di contatto con loro, umani e pet devono essere portati immediatamente al pronto soccorso

Come vive la processionaria

Si chiama “processionaria” (Thaumetopoea pityocampa) perché appunto le larve tra marzo e maggio abbandonano il nido invernale aereo e scendono al suolo in processione. Tutte in fila si dirigono verso le zone più calde e soleggiate vicine agli alberi infestati dove si interrano per restare quiescenti fino a che le condizioni ambientali non sono favorevoli allo sfarfallamento degli adulti (anche anni).

Gli adulti sono farfalle poco appariscenti e di modeste dimensioni, con abitudini crepuscolari e notturne. In estate, tra la fine di giugno e la fine di agosto, fuoriescono dal terreno dove hanno trascorso la fase quiescente. Le femmine fecondate depongono le uova sui rami delle Conifere e, a fine agosto-inizio settembre dalle uova sgusciano le prime larve che tessono il nido dove trascorrono la stagione fredda. Su un albero possono trovarsi più nidi invernali, in base al livello dell’attacco.

I bersagli e i danni

La processionaria attacca tutte le specie di pino, ma predilige Pinus nigra e Pinus silvestris e, in città, “si accontenta” dei cedri (Cedrus atlantica, C. libani), Conifere “di ripiego” per il lepidottero. Il danno alle piante è determinato dalle larve che, con il loro apparato boccale masticatore, si nutrono degli aghi. Gli alberi colpiti assumono un aspetto spelacchiato, con defogliazioni più o meno intense, anche se in genere questo insetto non mette a rischio la sopravvivenza degli alberi. 

Quelli veramente gravi, invece, sono i problemi determinati dalla presenza dei peli urticanti che ricoprono il corpo dei bruchi. Toccare le larve o anche venire sfiorati dai loro peli trasportati dal vento causa reazioni allergiche molto dolorose e forti irritazioni alle vie respiratorie, agli occhi e alla pelle. Ancora peggio capita al cane che, incuriosito dalla processione, prende in bocca un bruco: i danni al tartufo e alle mucose della bocca e alla lingua possono essere anche gravissimi. Che si tratti di umani o di animali domestici, il consiglio è di andare immediatamente al pronto soccorso.

Se la processionaria è in giardino

Se avvistate uno o più nidi di processionaria nel vostro giardino, il consiglio migliore – oltre a quello di non mettervi più piede fino a disinfestazione avvenuta – è di rivolgervi a una ditta specializzata in manutenzione giardini, magari disponibile anche presso il vostro Centro di Giardinaggio. Il fai-da-te, considerata la pericolosità delle larve, è sconsigliato.

I manutentori ben protetti da un abbigliamento anti-contatto, intervenendo fra novembre e febbraio, taglieranno con lo svettatoio o con il cestello la porzione di ramo con il nido e provvederanno all’eliminazione mediante fuoco controllato.

Fra aprile e maggio installeranno su pini e cedri le specifiche trappole a feromoni per la cattura massale dei maschi di processionaria, il che non eliminerà il problema, ma lo ridurrà in termini di numero di femmine fecondate. 

Infine, in settembre-ottobre torneranno per irrorare almeno una volta la chioma delle Conifere con Bacillus thuringiensis subsp. kurstaki, un insetticida microbiologico attivo contro le larve dei lepidotteri e selettivo nei confronti degli insetti utili (quali le coccinelle) e dei pronubi (api, bombi, ecc.), ammesso in difesa biologica.

Con questa strategia combinata, è probabile una risoluzione del problema nell’arco di un anno (a condizione che non ci siano altre infestazioni non controllate nei giardini vicini

Magazine
Ti potrebbe interessare anche
sambuco nigra

Sambuco, buono in aprile-maggio e in agosto-settembre

Il Sambuco è un ubiquitario, cioè vive dal mare alla montagna, è arbusto spontaneo del quale però si trovano facilmente nei Centri di giardinaggio come Monverde numerose varietà coltivate ornamentali, dalla foglia gialla, rossa o porpora-nero, oppure finemente incisa, o dai frutti diversamente colorati (blu, viola). Spontaneo o coltivato che sia, il sambuco (Sambucus nigra) […]

leggi tutto
fiore di Piretro

Piretro: Il Guardiano Naturale del Tuo Giardino

Nell’ambito della difesa fitosanitaria, l’orientamento verso soluzioni ecologiche è non solo una scelta etica ma una necessità per la salvaguardia della biodiversità e del benessere collettivo. Il piretro emerge come un baluardo nella lotta contro i parassiti, rappresentando un’opzione sostenibile per chi predilige pratiche agricole rispettose. La normativa europea ha progressivamente ridotto l’accessibilità ai fitofarmaci […]

leggi tutto
stelle di natale

Stella di natale

Euphorbia Pulcherrima o meglio conosciuta come Stella di Natale, è per tradizione la pianta da fiore più regalata a Natale. Le sue brattee (ultime foglie) si colorano di un rosso intensissimo già da fine ottobre e resiste quasi fino a primavera. Per i più bravi che riescono a mantenerla fino in estate ricordo che la […]

leggi tutto

Vienici a trovare

Via Cavezzo Camposanto 4/A - 41030 Staggia San Prospero (MO)
APRI LA MAPPA