Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Mimosa in giardino o in vaso

Mimosa

Voi vedete il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto (non ci credereste, ma la domanda c’entra con la mimosa!)? Noi lo vediamo sempre mezzo pieno: così, anche nel caso del dannoso cambiamento climatico in atto, qualcosa di buono lo troviamo sempre! Per esempio, la conseguenza che da oltre un decennio la mimosa si può coltivare senza paura in piena terra anche in Val Padana! Esaurite le nevicate e le ghiacciate del Novecento (l’ultima intorno al 2012), con i giusti, semplici accorgimenti potrete avere la nuvola di piumini gialli profumatissimi anche nel vostro giardino padano, e perfino sul terrazzo in vaso! Potete trovare le mimose in vaso, pronte da piantare in giardino o rinvasare, nel vostro Centro di Giardinaggio Monverde.

Dove coltivare la mimosa

Le localizzazioni classiche sono il Centro-Sud dalla costa fino alla media collina, tutta la costa tirrenica dalla Liguria in poi e quella adriatica – adesso – dal Po in giù, nonché intorno ai grandi laghi padani, dal Maggiore al Garda: la provenienza dai deserti australiani fa sì che le temperature afose ed elevatissime degli ultimi anni lascino le mimose del tutto indifferenti.

Da una decina d’anni anche la Val Padana è diventata una zona “sicura” per le mimose, ovviamente non in centro al giardino o in aperta campagna, bensì sempre a ridosso dell’edificio (le radici vanno in verticale e non danneggiano i manufatti, basta rispettare una distanza di 6-7 m per la chioma) in un punto soleggiato e riparato dai venti freddi.

Particolarmente consigliate per il Nord Italia sono Acacia dealbata oppure A. baileyana, mentre nelle zone più miti via libera ad Acacia rhetinoides (= A. floribunda o A. semperflorens) oppure, per una barriera difensiva lungo il confine del giardino, optate per la splendida mimosa arbustiva spinosa A. armata, semplicemente invalicabile!

 

Le attenzioni in giardino

Oltre al già citato pieno sole, la mimosa chiede un altro paio di condizioni: il terreno deve essere tendenzialmente acido, anche se accetta quello neutro mentre non tollera quello calcareo. E il suolo deve essere profondo e fresco: non sopporta l’aridità, ma teme i ristagni idrici, quindi è necessario che il substrato sia umido ma permeabile, con un drenaggio ottimo.

Poi la mimosa teme il vento, soprattutto vicino al mare e nei primi anni di vita: conviene piantarla in posizione non esposta, magari a ridosso di alte siepi o arbusti, o di un edificio nel Nord Italia, oppure dotarla di tutore robusto, per evitare che si rovini e si debba contenere il volume della chioma con le odiate potature. Il sostegno, per es. un palo di legno di castagno trattato per l’esterno, va collocato al momento della messa a dimora: le piantine crescono con vigore e in 3 o 4 anni l’esemplare sarà già grande e affrancato dal tutore.

Gli stress da siccità possono far morire la pianta: l’irrigazione è fondamentale, soprattutto nei primi anni di vita; deve essere sempre regolare, e poi abbondante in primavera-estate e più distanziata nei mesi successivi.

 

 

La mimosa in vaso

Per chi vive in climi più freddi

Per chi vive in climi più freddi o preferisce la flessibilità del vaso, Monverde offre soluzioni per la coltivazione della mimosa anche in contenitori, con la possibilità di ripararle durante i mesi più freddi. Un vaso adeguato e un buon drenaggio sono essenziali per la salute della pianta. Monverde vi consiglia di godervi la fioritura sul vostro balcone o terrazzo, seguendo i nostri consigli per un’irrigazione corretta e un rinvaso appropriato dopo la fioritura.

Venite a trovarci a Monverde per scoprire di più su come coltivare la vostra mimosa, sia in giardino che in vaso. Siamo qui per offrirvi piante di qualità e i consigli di esperti per un pollice verde sempre più brillante.

Magazine
Ti potrebbe interessare anche
alberi di natale innevati artificiali

Pino vero o pino finto?

Ci sono due diversi modi di vedere l’albero di Natale, uno pretende l’abete vero per sentire il profumo di conifera che rende questo momento magico. Gli odori vanno a risvegliare ricordi antichi della nostra infanzia… ci riporta a ricordi che avevamo sommessamente accantonato, ma che se stimolati risorgono ancora. Per queste persone l’abete vero rimarrà […]

leggi tutto
fogli di pianta di Alloro

Alloro: Un Eroe Multifunzionale in Cucina e Oltre

L’alloro, o Laurus nobilis, è ben più di un semplice ingrediente per sughi o arrosti; è una pianta dalle mille virtù, utilizzata tanto in cucina per il suo aroma inconfondibile quanto nelle siepi per la sua bellezza e robustezza. Ma la sua magia non si ferma qui: l’alloro è ricco di proprietà benefiche, utili non […]

leggi tutto
Cedri del Libano e oleandri: i primi tollerano bene la coltre, i secondi per niente.

Neve: un danno o un vantaggio?

Le piante hanno reazioni diverse alla neve, a seconda della loro origine e adattabilità al clima. Ecco come varie specie vegetali reagiscono alla copertura nevosa: Benefici  Isolamento Termico: Per le piante alpine, la neve agisce come una coperta protettiva, mantenendo una temperatura costante e fornendo acqua al disgelo. Specie Adattate al Freddo: Piante come abeti […]

leggi tutto

Vienici a trovare

Via Cavezzo Camposanto 4/A - 41030 Staggia San Prospero (MO)
APRI LA MAPPA