Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Lavanda, e i nervi si calmano

campi di lavanda

È bellissima, è robusta, è profumata: basterebbero queste caratteristiche a fare della lavanda un best-seller, ma la piantina nasconde anche un asso nella manica, cioè ha proprietà quasi miracolose! Il suo olio essenziale, infatti, è antisettico (durante la seconda guerra mondiale veniva usato come disinfettante, in mancanza d’altro), antispasmodico, cicatrizzante, diuretico, sedativo, stimolante, sudorifero; inoltre calma i nervi, placa il mal di testa, allevia i raffreddori allergici, aiuta il fegato, rimette in sesto l’apparato respiratorio, combatte infiammazioni intestinali, leucorrea, cistiti, e tonifica tutto l’organismo. Non ha interazioni con farmaci né controindicazioni, salvo quella, comune a tutte le Labiate, di non abusarne, perché se assunto in quantità eccessive, l’olio essenziale diviene tossico.

 

Coltivata ovunque

È la pianta ideale per le zone secche e aride: preferisce terreni leggeri e calcarei, ma si adatta anche a suoli argillosi, se si aggiunge un po’ di sabbia. Il terreno deve comunque sempre essere molto ben drenato. Ama il sole e le posizioni riparate, richiede pochissima acqua (una volta diventata adulta in piena terra) e nelle zone più fredde va protetta alla base, durante l’inverno, con abbondanti foglie secche. Non resiste però all’aperto sulle Alpi, dove va coltivata in vaso da ricoverare in cantina in inverno. Naturalmente, tollera il caldo e anche il clima salso e marino. 

In vaso richiede molta più acqua che in piena terra, ma sempre senza il sottovaso e con un ottimo drenaggio sul fondo.

 

Raccolta prima della fioritura

Pianta tipica delle zone coperte da macchia mediterranea, fino ai 1.700 m d’altitudine, si trova allo stato spontaneo lungo le coste di Liguria, Campania, Basilicata, Calabria, e in Piemonte, ma ovunque viene coltivata a scopo ornamentale. 

La raccolta è semplicissima: recidete con le cesoie i rametti fogliosi appena prima che si aprano i fiori, appoggiandoli in un cestino di vimini. Legateli poi in mazzi lenti lasciandoli essiccare appesi in locali asciutti, bui e ventilati. Una volta seccati, i fiori e le foglie si separeranno facilmente dai rami passandoli tra le mani. Si conservano separatamente in vasi di vetro, ben chiusi per non disperdere l’aroma, che comunque svanisce nell’arco di un anno.

 

 

Ricette erboristiche

Per alleviare i dolori

  • Per alleviare i dolori reumatici, o in caso di contusioni: in una bottiglia da mezzo litro a chiusura ermetica mettete una manciata di fiori di lavanda, 4 dl di olio extravergine d’oliva non profumato e un cucchiaio di aceto di vino bianco; agitate forte e ponetela al sole per almeno due settimane. Senza filtrare, riponete la bottiglia in luogo buio e asciutto. Massaggiate all’occorrenza alcune gocce sulla parte dolente. Utile anche per allontanare le zanzare.
  • Contro il mal di testa occasionale: infondete per 15 minuti 5 g di fiori in una tazza d’acqua bollente, filtrate, lasciate raffreddare, utilizzate per impacchi applicati sulla fronte e sulle tempie.
  • Contro la tosse: infondete per 10 minuti 10 g di fiori in una tazza d’acqua bollente, filtrate, dolcificate con miele di eucalipto o di timo, bevete tiepido 3 volte al giorno.
  • Contro il mal di testa ricorrente: per 20 giorni mangiate, 2 volte al giorno, una zolletta di zucchero imbevuta di 5 gocce di essenza.
  • Contro l’insonnia da stress: bollite per 5 minuti 5 g di fiori in una tazza d’acqua, filtrate, dolcificate con miele di tiglio, bevete 15 minuti prima di coricarvi. Oppure versate 5 gocce di essenza sul guanciale; oppure utilizzate un cuscino imbottito di fiori di lavanda. 

 

Anche cosmetica

  • Per cancellare la stanchezza della giornata: bollite per 10 minuti 100 g di fiori e foglie in 2 l d’acqua, filtrate e versate nell’acqua del bagno in vasca, immergetevi per almeno 15 minuti senza utilizzare bagnoschiuma o shampoo.
  • Per sollevare i piedi gonfi e doloranti: bollite per 10 minuti 60 g di fiori e foglie in 1 l d’acqua, filtrate e versate nell’acqua del pediluvio, immergete i piedi per almeno 20 minuti.
  • Per lucidare i capelli: bollite per 10 minuti 50 g di fiori e foglie in 1,5 l d’acqua, filtrate, lasciate raffreddare, utilizzate come risciacquo finale dopo lo shampoo.
  • Per attenuare le rughe: infondete per 10 minuti 60 g di fiori in 1 l d’acqua bollente, filtrate, fate intiepidire, applicate due volte al giorno compresse imbevute del liquido sulle zone interessate.
  • Tonico rinfrescante e depurativo per la pelle del viso: macerate per 15 giorni 50 g di fiori di lavanda in 1 l di alcol, filtrate e conservate in bottigliette di vetro scuro in frigo; utilizzate per toccature al bisogno.

 

Lavanda in cucina 

per aromatizzare minestre e stufati

Si utilizzano generalmente i fiori per decorare gli aspic di verdure o da inserire nei cubetti di ghiaccio, ma in passato anche le foglie venivano impiegate (parsimoniosamente, perché sono molto profumate) per aromatizzare minestre e stufati. 

  • Zucchero alla lavanda: in un barattolo di vetro a chiusura ermetica aggiungete 5 gocce di essenza o un cucchiaino raso di fiori a 500 g di zucchero e lasciate riposare per almeno 2 settimane. 
  • Aceto alla lavanda: mettete 6 spighe di lavanda in una bottiglia da mezzo litro di aceto di vino bianco, fate riposare per un mese. 
  • Miele di lavanda: dal profumo intensamente aromatico e fresco, ha un colore ambrato più o meno carico, ed è ricchissimo di proprietà salutari, è infatti analgesico, antireumatico, battericida, antisettico, digestivo, diuretico e calma le bruciature e le punture d’insetto.
Magazine
Ti potrebbe interessare anche
fiore di antirrhinum_chantilly_bronze

Bocca di leone

Le fioriture a “farfalla” dei petali di queste Bocche di leone sono ampliamente aperte, non chiuse come in altre varietà, tanto da non farle assomigliare ad una Bocca di leone da ad una malvacea. Con una tavolozza di colori squisitamente mutevole – dai dorati, rosa e arancioni al rosso intenso – creano un interesse verticale […]

leggi tutto
esposizione di alberi da frutto di 2 anni in sabbia

Piante da frutto a radice nuda 2024

La scelta di piante da frutto a radice nuda presso Monverde garden (Modena) offre diversi vantaggi da tenere a mente. Troverai la lista ggiornata a dicembre 2024  Qui al  prezzo di € 8,50 cad. Vantaggi: Costo Inferiore: Le piante da frutto a radice nuda sono generalmente più economiche rispetto a quelle in vaso, permettendo un […]

leggi tutto
alberatura nel vivaio Monverde

Alberi disponibili in vivaio al 23 gennaio 2022

Elenco disponibilita al 23 gennaio 2022 gli alberi in vivaio : Acacia jalibrissina misure giovani Acero Saccarino alberello misure giovani Acero Saccarino ramificato  misure giovani e grandi Acero Crimson King alberello giovani e grandi Acero Crimson King ramificato giovani Betulla alba ramificata giovani e grandi Carpino betulus piramidale grande Faggio rosso giovane Faggio tricolor giovane […]

leggi tutto

Vienici a trovare

Via Cavezzo Camposanto 4/A - 41030 Staggia San Prospero (MO)
APRI LA MAPPA